La particolarità di questi paninetti è la forma ad anello e la doppia cottura, che prevede prima un'immersione in acqua bollente e poi in forno.

I bagels solitamente si servono tagliati a metà e farciti a piacere.

Si possono cospargere di semi vari, papavero, di sesamo ... noi abbiamo optato per un mix croccante

Procedimento:

Nella planetaria inseriamo le farine, il lievito di birra e gradualmente aggiungiamo l’acqua e iniziamo ad impastare.

Solo quando l’impasto si sarà incordato aggiungiamo il sale e infine l’olio.

Lasciamo riposare 30 minuti nella ciotola, coperto da pellicola a temperatura ambiente, quindi portiamo il tutto in frigorifero e per almeno 12/18 ore.

Trascorso il tempo di maturazione in frigorifero riportiamo l’impasto a temperatura ambiente, quindi ribaltiamolo sulla spianatoia leggermente infarinata e dividiamo in otto parti uguali.

Lavoriamo con le mani i pezzi di impasto fino ad ottenere delle palline. Attendiamo circa mezz’ora tenendole ovviamente coperti da nylon, quindi, schiacciandole tra pollice ed indice, buchiamole al centro.

Allarghiamole delicatamente fino a formare un anello e lasciamo il buco centrale un po' largo. Copriamo gli anelli di impasto così creati con pellicola spennellata di olio o nylon e lasciamo lievitare fino al raddoppio del volume.In un pentolino sciogliamo l'amido nell'acqua fredda. Mettiamolo a scaldare e aggiungiamo il sale e lo zucchero. Bolliamo gli anelli per 1-2 minuti per lato.

La superficie dei nostri bagel diventerà tutta rugosa. E’ normale, non c’è da preoccuparsi, si rigonfieranno.Gli anelli vanno quindi ben scolati e riposti su una rivestita da carta forno. 

Preriscaldiamo il forno a 200°, spennelliamo i bagels con l’albume d’uovo e versiamoci i semi, facendoli aderire con una leggera pressione.

Inforniamo per circa 25 minuti: si dovranno dorare.

Sforniamoli e lasciamoli su una gratella  a raffreddare.

Tagliateli e farciteli a piacere!!! Ottimi sia a colazione con un formaggio spalmabile o della marmellata, o per una merenda con dei salumi … o semplicemente in sostituzione del pane comune.

Sono ovviamente surgelabili per conservarli più a  lungo.