Procedimento:

Rinfrescare il lievito madre e attendere circa 4 ore prima del suo utilizzo.

Nel frattempo nella ciotola della planetaria mettere tutta la farina e 300g di acqua, impastare per qualche minuto, quindi coprire con nylon per alimenti e lasciar riposare (autolisi).

Quando il vostro lievito sarà pronto per essere utilizzato aggiungerlo all’impasto e lavorare con il gancio alla minima velocità.

Versare un po’ alla volta la restante acqua facendo attenzione di far assorbire bene prima di aggiungerne altra per non perdere l’incordatura dell’impasto.

Aggiungere il sale ed impastare fino ad ottenere un composto ed omogeneo.

Se necessario, anche per agevolare l’assorbimento dell’acqua, effettuare delle pieghe in ciotola.

Pirlare (arrotondare) l’impasto sulla spianatoia e riporlo in una ciotola leggermente oleata e coperto con nylon per alimenti anch’esso oleato.

Effettuare delle pieghe all’impasto ogni 45 minuti circa (da una a tre pieghe a seconda della necessità), lasciare riposare a temperatura ambiente fino a quando non sarà quasi raddoppiato.

Portare l’impasto sulla spianatoia, stenderlo ed allargarlo delicatamente, quindi sollevando i lembi dell’impasto richiuderlo su se stesso, spolverarlo di farina e riporlo in un cestino da lievitazione o in una ciotola, coperto.

Dopo un paio d’ore di riposo a temperatura ambiente, riporre in frigorifero per circa 10 ore.

Preriscaldare il forno a 230°C, preferibilmente scaldando anche la teglia su cui andrete a cuocerlo.

Prelevare l’impasto dal frigorifero, inciderlo quindi infornare direttamente. Vi consigliamo di spruzzare dell’acqua sulle pareti del forno per creare un po’ di umidità nella prima fase di cottura.

Dopo circa 15 minuti abbassare a 200°C, dopo ulteriori 10/15 minuti abbassare a 190°  e così avanti fino a raggiungere la temperatura di 180°C. Il tempo complessivo di cottura sarà di circa 50 minuti (dipende dal proprio forno).

Sfornare e lasciare raffreddare completamente prima di tagliare.

 

Scopri dove acquistare i nostri prodotti.